Avatar

Milano Fashion Week

Dopo l’apice della pandemia da Coronavirus, la moda torna a farci sognare.

A settembre, la Milano Fashion Week è tornata in un format inedito e carica di nuovi significati. Con sfilate in digitale o eventi live con poche persone rigorosamente distanziate, il Made in Italy ha dato una nuova prova di forza e di bellezza. Per il futuro che verrà, la moda è pronta per essere più vicina alle persone e all’ambiente.

Giorgio Armani

Per la prima volta in assoluto, la sfilata viene trasmessa interamente in televisione per poter condividere con tutti uno dei momenti di ripartenza di un Paese, calandoci nella storia dell’icona italiana della moda. Giorgio Armani, un uomo che racconta cultura, dedizione al lavoro e cura della qualità attraverso una creatività che ogni volta trascende le tendenze del momento. Timeless Thoughts, questo il nome della collezione, ci racconta appunto una moda senza tempo e senza spazio, fatta di linee fluide e colori neutri che prendono vita in base al corpo che le indossa.    

Versace

Con la collezione Versacepolis, l’estro creativo di Donatella Versace ci prende per mano e ci fa riemergere da una realtà che ci spaventa. Il mondo del futuro sognato dalla stilista prende ispirazione dalla bellezza dei fondali marini, dalle sue fantasie e i suoi colori. Gli uomini e le donne che popolano Versacepolis sono creature vestite del colore dei coralli e dei pesci, tra ruche che simboleggiano il movimento del mare e ricami in cristalli Swarovski come tesori preziosi nascosti negli abissi.